LA VALUTAZIONE DEL DOLORE NEL PAZIENTE PORTATORE DI LESIONI CUTANEE: INDAGINE CONOSCITIVA 2016 – 2017

Buongiorno,

a pochi giorni dall’importante appuntamento del 24 marzo (Aggiornamento in Wound Care presso Villa Aurelia – Roma) vogliamo mettervi a conoscenza e invitarvi a partecipare ad una interessante indagine conoscitiva promossa dall’Università La Sapienza di Roma in merito alla “Valutazione del dolore nel Paziente portatore di Lesioni Cutanee”.

Qui di seguito trovate un breve estract – a cura della dr.ssa  Elena Toma – che spiega metodo e scopo della ricerca.

Vi invitiamo – se siete infemieri o infermieri wound care – a prendere parte allo studio.

     “L’insorgenza di lesioni cutanee è spesso sottovalutata dai pazienti stessi che si preoccupano solo quando le lesioni sono molto grandi, dolorose o sanguinanti, arrivando a rivolgersi ad un sanitario solitamente quando non sono più in grado di gestire da soli la situazione. Da uno studio retrospettivo in un servizio wound care dedicato (ambito dedicato alla prevenzione, cura e trattamento delle lesioni cutanee di difficile guarigione) è risultato che  l’83% dei pazienti si rivolgono ad un sanitario solo dopo 20 – 60 giorni dall’insorgenza della lesione e circa 52% di loro richiedono la prima  consulenza specialistica dopo un intervallo di tempo compreso tra 6 mesi e 2 anni dall’insorgenza della lesione1. L’eccessivo tempo passato tra l’insorgenza della lesione e il primo trattamento adeguato è una delle più gravose cause di complicazioni e cronicizzazione.

    Spesso è proprio il dolore il sintomo determinante che porta questi pazienti a chiedere assistenza.  Il dolore influisce negativamente sulla mobilità, l’alimentazione, il sonno e l’attività quotidiana, che nel complesso inducono un peggioramento dello stato generale direttamente proporzionale alla capacità di riparazione tessutale. La mancata valutazione del dolore porta all’assente o inadeguata impostazione del trattamento antalgico complicando il percorso terapeutico – gestionale del paziente e la sua qualità di vita2,3.

     La presenza del dolore purtroppo è costante nell’attività wound care dedicata. I pazienti che arrivano nei servizi specialistici lamentano spesso la sua scarsa valutazione e la poca sensibilità del personale sanitario a questa problematica, tesi dimostrata anche da vari studi clinici4,5 eseguiti nel tempo.

       Il nostro lavoro vuole approfondire il perché di tale carenza che si protrae. Si è provato ad esaminare il reale stato dell’arte della gestione e valutazione del dolore alla luce del ruolo rivestito dall’infermiere, le sue reali conoscenze e competenze e come le stesse vengano applicate nella pratica quotidiana. Per comprendere le carenze al fine di garantire una maggiore formazione per migliorare la pratica e ridurre gli eventi di mal practice è stata avviata un’indagine conoscitiva: “La valutazione del dolore nel paziente portatore di lesioni cutanee”, dedicata al personale infermieristico, attraverso un questionario validato.  L’indagine è iniziata a novembre 2016 per un lavoro di tesi6 Master di I Livello in wound care (Università di Roma “Sapienza”) e si concluderà nel novembre 2017.

La vostra partecipazione contribuirà alla ricerca infermieristica dedicata all’identificazione delle criticità nella gestione portatore di lesioni cutanee, con finalità di progettazione e attuazione di interventi organizzativi/formativi per pianificare strategie di miglioramento. Vi invitiamo a partecipare alla nostra ricerca attraverso la compilazione del questionario digitale al seguente link:

http://docs.google.com/forms/d/1tvIE6_ppU9nO5jt10Jbq7_WjyC1hKpUOUN5iOcAyOHM/viewform

La compilazione del questionario richiederà meno di 10 minuti del vostro tempo e sarà intesa come accettazione, da parte Vostra, di partecipare alla ricerca. È auspicabile che le Vostre risposte riflettano la situazione reale e siete invitati a rispondere ad ogni domanda.

Ricordiamo inoltre che il questionario è del tutto anonimo e che i dati raccolti saranno trattati secondo quanto previsto in materia di Buona Pratica Clinica (D. M. Salute 14/7/1997). Tali dati, elaborati in forma aggregata, potranno essere inseriti in pubblicazioni ed utilizzati in occasione di presentazioni scientifiche.”

BIBLIOGRAFIA:

  1. Toma E. Le lesioni difficili degli arti inferiori. L’importanza dell’igiene e del tempestivo intervento sanitario. Il Caduceo 2014; 16 (4): 16-18
  1. http://www. iasp-pain.org; ultimo accesso 11.02.2017
  1. http://www. americanpainsociety.org; ultimo accesso 11.02.2017
  1. Moffatt CJ, Franks PJ, Hollinworth H. Studio sul dolore e i traumi sofferti durante il trattamento delle lesioni cutanee. in Documento di posizionamento EWMA: Il dolore in sede di cambio della medicazione. 2002 Jane Jons Londra
  1. Larcinese CM, Cecchi F, Soldani D, Di Muzio M. Valutazione del dolore neuropatico: una ricerca infermieristica. HPM 2013; 1(1):65-74 DOI: 10.12864/HPM.2013.101
  1. Silvestri A, Veneziano ML, Toma E. La valutazione del dolore nel paziente portatore di lesioni cutanee. Tesi Master I Livello Wound Care presso Sapienza Università di Roma. 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...